NO ALLA VIOLENZA

 

12.01.2008  L’Ordine dei giornalisti della Sardegna esprime piena solidarietà al telecineoperatore della Rai e al fotografo dell’Unione Sarda che sono stati aggrediti dai teppisti durante gli incidenti di venerdì notte a Cagliari. Ai due colleghi, che hanno dimostrato grande coraggio nell’esercizio del diritto-dovere di informare i cittadini, va l’apprezzamento di tutti i giornalisti sardi.
L’Ordine dei giornalisti della Sardegna, inoltre, esprime piena solidarietà al presidente della Regione, vittima di una incivile, violenta e preoccupante manifestazione di intolleranza che non ha nulla a che vedere neppure con il più aspro dissenso politico e democratico.
«L’Ordine dei giornalisti della Sardegna - ha detto il presidente Filippo Peretti - invita tutti i colleghi a tenere sempre conto della grande responsabilità sociale che i mezzi di informazione hanno soprattutto nei momenti di tensione, quando compito degli operatori, nel pieno rispetto del diritto di cronaca, è anche quello di favorire il dialogo e di contribuire a stemperare gli animi nell’interesse generale. In questa ottica l’Odg sardo, nella sua opera di vigilanza, sta già esaminando alcune segnalazioni ricevute questa mattina secondo le quali alcune cronache degli ultimi avvenimenti, in particolare sulla manifestazione davanti all’abitazione del presidente della Regione, avrebbero contribuito a eccitare gli animi e a pubblicizzare una protesta che già nell’annuncio aveva i segni della violenza».