L'ODG SULL'EDITORIA SARDA

 

23.11.2007  Presa di posizione dell'Ordine dei giornalisti della Sardegna sullo stato dell'editoria giornalistica. Ecco la dichiarazione che il presidente Filippo Peretti ha diffuso attraverso una newsletter, alla quale ci si può iscrivere attraverso questo sito.

I rapporti finanziari tra De Benedetti (editore) e Soru (politico)
Carlo De Benedetti (editore del gruppo Espresso-Repubblica e quindi anche della Nuova Sardegna) investe 60 milioni di euro in Tiscali, la società di cui è proprietario il presidente della Regione Renato Soru. Management&Capitali sottoscriverà un prestito obbligazionario che servirà a supportare lo sviluppo di Tiscali in Italia e nel Regno Unito. Nel contempo, Tiscali, che sta per inaugurare una web-tv, prepara un aumento di capitale di 150 milioni di euro.

Un passo indietro per l’editoria giornalistica
Non è una buona notizia quella del rapporto tra De Benedetti e Soru. C'è il rischio che l’informazione, che agli inizi degli anni 80 era uscita dal monopolio rovelliano, ripiombi in una fase di intrecci tra politica ed economia. Anche perché interessi extraeditoriali ha pure Sergio Zuncheddu (Unione Sarda +e Videolina). Gli editori possono investire in altri campi, purché le iniziative non condizionino il lavoro dei giornalisti, la cui autonomia è preziosa anche nel rispetto dei lettori.

La Carta dei doveri dell’informazione economica
I giornalisti e le loro rappresentanze hanno il dovere di vigilare con sempre maggiore attenzione. L’Odg ha varato la Carta dei doveri dell’informazione economica (leggi su questo sito alla voce Etica) che ha disposizioni interessanti. Il punto 6, ad esempio, dice che i giornalisti sono tenuti a chiarire ai lettori se una notizia riguarda l'editore. Una regola sinora disattesa in Sardegna. L'Ordine farà in modo che venga conosciuta e rispettata.