CRONACA E MINORI

 

08.01.2007 - Del minore coinvolto in fatti di cronaca non vanno pubblicati il nome e la foto, né notizie - come le generalità dei genitori - che possano portare alla sua identificazione. Quando un giornalista non rispetta questa regola deontologica rischia di incorrere in sanzioni disciplinari. Al presidente dell’Ordine dei giornalisti della Sardegna è stato formalmente segnalato che un quotidiano regionale ha pubblicato la cronaca di un triplice ricovero ospedaliero che non sembra in linea con il dovuto rispetto della norme deontologiche sulla tutela dei minori e sulla privacy per quanto riguarda i dati sanitari anche degli adulti. La vicenda sarà inserita nel fascicolo già aperto nel 2006 per altri resoconti di cronaca e sarà esaminata dal Consiglio dell’Odg sardo nella riunione del 22 gennaio.
Si fa notare che gli altri mezzi di informazione sardi, pur fornendo tutte le notizie di pubblico interesse fornite dalla vicenda sanitaria, hanno rispettato i dettati delle norme deontologiche. A conferma che il rigore etico nulla toglie alla completezza dell’informazione al servizio dei cittadini.
L’Ordine dei giornalisti della Sardegna, infine, invita i Comitati di redazione, per la sensibilità che hanno sempre dimostrato anche su questi temi, a vigilare sul rispetto delle norme deontologiche e a tutelare i colleghi che potrebbero subire pressioni indebite da parte dei vertici dei giornali.