24.02.2015 - COMUNICATO Sconcerto è stato espresso dall’Ordine dei giornalisti della Sardegna, per quanto si è verificato venerdì scorso al termine del corso di Formazione professionale continua organizzato e accreditato dall’Ordine nel Centro polifunzionale di Santa Gilla, gentilmente messo a disposizione dei giornalisti sardi a titolo gratuito da L’Unione Sarda.


Al termine del corso, un pubblicista iscritto all’Ordine sardo ha svolto attività di volantinaggio per richiedere il voto a favore di uno dei quattro candidati alla carica di sindaco di Quartu Sant’Elena alle Primarie del centrosinistra (risultato poi non vincente) svoltesi due giorni dopo, il 22 febbraio.


Tale condotta, verificata personalmente anche da un consigliere dell’Ordine, è stata oggetto di immediate proteste verbali nei confronti del Consiglio da parte dei giornalisti che hanno partecipato all’iniziativa formativa, organizzata utilizzando le quote versate all’Ordine dai colleghi.


L’Ordine si dissocia dalla condotta del collega, ora sottoposto ad accertamenti preliminari per presunta violazione delle norme deontologiche, e si scusa con L’Unione Sarda e con tutti i giornalisti che hanno partecipato al corso per l’inqualificabile comportamento del pubblicista che ha svolto l’attività senza alcun riguardo per l’Ordine e per il Gruppo Editoriale che ha cortesemente ospitato l’appuntamento formativo.