02.07.2018 - "MEDIA E IDENTITA' DI GENERE: L'INFORMAZIONE CHE NON DISCRIMINA" - CORSO DI FORMAZIONE PER I GIORNALISTI LUNEDI’ 9 LUGLIO A CAGLIARI - Come si forma il pregiudizio? Il politicamente corretto ci mette al riparo dai nostri pregiudizi? Che ruolo gioca il linguaggio all'interno della professione del giornalista? Come conquistare una posizione di neutralità rispetto ai fatti di cui dobbiamo parlare? Come funziona il processo di crescita di un individuo e come si costruisce l'identità di genere?

Questi alcuni dei temi che saranno affrontati nel Corso di formazione continua per i giornalisti intitolato: “Media e identità di genere. L’informazione che non discrimina. L’iniziativa è a cura di Zeroviolenza Onlus e di Associazione Stampa Romana, con la partecipazione di professioniste dell'Associazione Italiana di Psicoanalisi (AIPsi) ed è realizzata grazie a un Bando Unar - Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali.

A Cagliari l'incontro si terrà lunedì 9 luglio 2018 alla Sala Giorgio Pisano dell'Unione Sarda, dalle ore 9.00 alle ore 14.00.

Dopo i saluti di Francesco Birocchi, Presidente dell'Ordine dei Giornalisti della Sardegna, sono previsti gli interventi di Paola Spadari, Presidente Ordine dei Giornalisti del Lazio;
Ignazio Cannas, Psicoanalista dell'Associazione Italiana di Piscoanalisi; Tiziana Barrucci, Giornalista Associazione Stampa Romana e Monica Pepe, Giornalista Zeroviolenza Onlus

L’esperienza insegna che il linguaggio può sciogliere, mantenere o produrre ambiguità, confusioni ed equivoci di cui si nutrono i pregiudizi e gli stereotipi più radicati. È proprio partendo da tale consapevolezza che, con l’aiuto di esperti e giornalisti, si tenterà di evidenziare il processo di costruzione dell’identità e dell’identità di genere, analizzandolo in termini psicodinamici, premessa necessaria allo svolgimento di un’informazione corretta.

"Si lavora sulla parità di genere e sulle situazioni di criticità e di corretta rappresentazione nei resoconti giornalistici a partire dal linguaggio, che non è una sovrastruttura, ma una chiara indicazione di percorso e di significato. Usare le parole giuste significa rispettare tutti gli attori in campo e costringere noi giornalisti a lavorare più a fondo per raccontare con esattezza i fatti e il loro contesto", ha detto il segretario di Associazione Stampa Romana Lazzaro Pappagallo, nella presentazione del programma.

E Monica Pepe di Zeroviolenza, ha osservato: "L’idea del corso nasce dalla volontà di analizzare e valorizzare qualsiasi processo informativo, da quelli primari che all’interno dei contesti familiari segnano il passaggio da una generazione a quella successiva, all’informazione tradizionale che contribuisce a sviluppare l’identità civica e politica di un individuo adulto".
Spiegando "Il confronto tra colleghi giornalisti e con esperti del mondo della psicoanalisi su come affrontare all’interno della professione giornalistica temi come relazioni, affettività, genere, pregiudizio, che troviamo ormai nelle cronache ogni giorno ci è sembrato doveroso e una grande occasione di riflessione per tutti".

Il corso, classificato come evento deontologico all’interno del programma di formazione continua obbligatoria, dà diritto a 7 crediti.