01.07.2014 - VERTENZA SASSARI NOTIZIE La redazione di Sassari Notizie ha diffuso ieri un nuovo comunicato sulla situazione interna. Il Consiglio dell'Odg sardo, che sta seguendo l'evolversi della vicenda, esaminerà i contenuti del documento nella prima seduta utile per assumere eventuali decisioni. Ecco il testo del comunicato.
SASSARI, 1 luglio 2014. A tre settimane dalla bufera che ha sconvolto gli equilibri interni del giornale online SassariNotizie.com, la situazione continua a essere drammatica. Nessun passo avanti è stato compiuto dall'editore Roberto Oronti per risolvere positivamente la vertenza che vede coinvolti i cinque giornalisti professionisti che compongono la redazione. Anzi, la vicenda si è arricchita di nuovi elementi che fanno pensare al peggio.
Le rassicurazioni verbali rispetto al mantenimento degli attuali posti di lavoro e l'impegno economico offerto per il recupero dei crediti, entrambi annunciati dal nuovo direttore responsabile Marco Ledda e considerati dallo stesso come "requisiti imprescindibili" per accettare l'incarico e far ripartire l'attività redazionale, non sono stati presentati in alcuna forma. L'arrivo del piano di rientro, in particolare, è stato dato più volte come imminente ma non è mai pervenuto ai giornalisti, i quali vantano circa 30 mila euro di crediti.
In questo arco di tempo, nonostante la costante presenza dei giornalisti nella redazione di via Lu Fangazzu 25, nessun segnale è andato nella direzione di un accordo. Nei giorni scorsi è stata modificata anche la password della casella mail della redazione, dove sono presenti tutti i contatti necessari per portare avanti il lavoro giornalistico. Una nuova azione unilaterale che si somma a quelle già messe in atto dell'editore nelle scorse settimane dopo la protesta della redazione per il mancato pagamento delle spettanze arretrate come la rimozione del direttore Michele Spanu e la cancellazione delle chiavi di gestione del sistema redazionale.
Il giornale, tuttavia, continua a essere aggiornato. "Non sappiamo - dichiarano i giornalisti Michele Spanu, Daniele Giola, Francesco Bellu, Daniele Murino e Antonio Muglia - chi stia lavorando al nostro posto. Nel sito, alla voce "redazione", ci sono tutti i nostri nomi, ma ogni giorno vengono pubblicate notizie non firmate. Non solo. In tribunale il direttore responsabile risulta essere ancora Michele Spanu e fino a qualche giorno fa nessuna richiesta di modifica è stata presentata agli uffici competenti".